Online Advertising

L’advertising è un’insieme di attività collegate alla pubblicità.

Per quanto riguarda la pubblicità online, il riferimento è diretto alle piattaforme pubblicitarie come Google AdSense, Microsoft Advertising, Mediavine e altre.

Piattaforme pubblicitarie

Una piattaforma pubblicitaria, collega le aziende che vogliono pubblicare annunci pubblicitari con i siti web che decidono di ospitarli.

Il termine piattaforma pubblicitaria, viene spesso utilizzato per indicare “piattaforma pubblicitaria online” poiché il mercato dello spazio pubblicitario aggregato per gli editori e gli inserzionisti si trovano sempre più su Internet.

La differenza cruciale tra le piattaforme pubblicitarie tradizionali e online è che quelle online pubblicano annunci pubblicitari attraverso un server di annunci.

La pubblicazione di annunci tramite un unico hub centrale consente al proprietario dell’attività di utilizzare vari metodi di targeting, monitoraggio e reporting che non esistono con le alternative multimediali tradizionali.

Come funzionano?

Le piattaforme pubblicitarie collaborano con i publisher di tutto il web, aiutando chiunque abbia spazio pubblicitario invenduto o spazio pubblicitario e desidera monetizzare le proprie offerte.
Le piattaforme quindi aggregano questo inventario, lo impacchettano e lo vendono agli inserzionisti.

Pro e contro

I vantaggi dell’utilizzo delle piattaforme pubblicitarie sono numerosi sia per i fornitori di contenuti che per gli inserzionisti.

I fornitori di contenuti trovano così un modo semplice e affidabile per creare reddito, sebbene le entrate siano in genere inferiori a quelle che potrebbero guadagnare vendendo lo spazio stesso.
Gli inserzionisti apprezzano anche la facilità d’uso.

Con il minimo sforzo, possono acquistare una campagna indirizzata a un gruppo specifico di consumatori su siti Web in tutto il mondo.

Le piattaforme pubblicitarie sono anche note per modelli di pagamento flessibili ed efficienza dei costi.

L’aspetto negativo per gli inserzionisti è il controllo limitato sui posizionamenti degli annunci.

Esiste la possibilità che gli annunci possano essere visualizzati accanto a contenuti inappropriati.

Molti inserzionisti si sono inoltre lamentati del fatto che le analisi della propria campagna spesso non coincidono con le metriche fornite dalle reti.

Nonostante questi inconvenienti, molte aziende ritengono che le reti pubblicitarie siano un modo conveniente ed efficiente per raggiungere i consumatori.

Struttura dei prezzi

Le reti pubblicitarie offrono molti modelli di prezzi diversi per soddisfare le esigenze delle diverse aziende.

CPM

Il costo per mille è la più semplice delle opzioni di pubblicazione degli annunci.

Gli inserzionisti pagano un prezzo per ogni 1.000 impressioni. Un annuncio visualizzato sul browser di qualcuno è un’impressione.

Il fatto che l’utente faccia clic sull’annuncio non influisce sul prezzo.

CPC

Il costo per clic è un modello basato sul rendimento.
Le impressioni pubblicate non tengono conto del costo. Invece, gli inserzionisti pagano per ogni clic che ottengono su una campagna pubblicitaria.
Questo metodo di determinazione del prezzo dipende spesso dalle offerte degli inserzionisti sull’importo massimo che pagheranno per un singolo clic, un modello che è diventato molto popolare su Google AdSense e AdWords.
L’aspetto negativo di CPC è l’incertezza sulla frequenza con cui l’annuncio verrà pubblicato, tuttavia, il basso rischio e l’attenzione alle prestazioni lo rendono ancora un’opzione interessante per la maggior parte degli esperti di marketing.

CPA

Il costo per acquisizione o il costo per azione amplia ulteriormente il modello basato sul rendimento garantendo agli inserzionisti che pagheranno solo un’azione specifica o una conversione da parte dell’utente.

Questa metrica di pubblicazione degli annunci è spesso un indicatore chiave di rendimento per gli esperti di marketing quando valutano il ritorno sull’investimento (ROI).

Una campagna che costa 250 e ha portato a 25 vendite significa che il CPA era di 10.

Se il profitto per vendita supera i 10, la campagna ha avuto successo.

Funzionalità di targeting degli annunci

Le capacità di targeting per gli inserzionisti sono aumentate notevolmente nel corso degli anni a causa delle enormi quantità di dati dei consumatori che sono diventati disponibili per la comunità di marketing.

Le funzionalità di targeting possono includere:

  • Età
  • Genere
  • Reddito
  • Geografia
  • Comportamento

Mostra gli annunci pertinenti agli utenti in base al contenuto su cui hanno fatto clic durante la visita di numerosi siti.

Rete Display di Google

Google ha una vasta rete di siti Web su cui gli inserzionisti possono visualizzare annunci pubblicitari, dal New York Times fino ai più piccoli blog sul Web. Offrono diverse opzioni che le aziende possono utilizzare per indirizzare il pubblico.

Possono anche combinare due o più metodi di targeting nella stessa campagna

Targeting contestuale

Google fornisce annunci pubblicitari agli utenti in base al contenuto che consumano.

Aggregatore di contenuti

Google, in questo caso assegna etichette a siti Web specifici e lo abbina a parole chiave associate a un annuncio specifico.

La Rete Display di Google può anche pubblicare un annuncio che si adatta contestualmente ai siti Web in cui un utente è stato in precedenza.

Ad esempio, un utente può visitare un sito Web di articoli sportivi e fare clic per visualizzare il sito di notizie politiche.

Il targeting contestuale potrebbe essere utilizzato per mostrare un annuncio per tende da campeggio di dimensioni familiari a quell’utente sul sito politico.

Targeting per posizionamento

Gli esperti di marketing possono scegliere su quali siti Web o pagine Web pubblicare l’annuncio.

Remarketing

Agli utenti che visitano un sito Web vengono quindi mostrati annunci pubblicitari per quel sito Web mentre navigano in altre aree della Rete Display.

Il remarketing può essere una tattica altamente efficace per monetizzare le persone che potrebbero aver abbandonato i loro carrelli della spesa sul tuo sito web.

Per aumentare la possibilità di una vendita, è necessario combinare questo con una email del carrello abbandonato.

Categorie di interessi

Gli esperti di marketing possono rivolgersi alle persone in base agli interessi che rivelano nel contenuto Web che visitano.

Targeting per argomento

Simile alle categorie di interessi, il targeting per argomento consente agli esperti di marketing di scegliere un argomento specifico e Google visualizzerà gli annunci su siti di qualità correlati a tale argomento.

Geografia e lingua

Gli esperti di marketing possono distribuire i propri annunci all’interno di una regione o di un codice postale specificati e definire la lingua madre del pubblico.

Targeting demografico

Gli annunci vengono distribuiti a un pubblico in base all’età e al sesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.