In quanto tempo potresti lasciare il tuo impiego, grazie ai soldi che guadagni con il blog e lavorare da casa?

Per evitare delusioni future è meglio essere molto prudenti.

Sappi che anche se hai fatto tutto nel modo giusto, serve tempo (generalmente anni) e non ci sono certezze che si riesca a ottenere un reddito sufficiente da garantire la libertà finanziaria.

Prima di lasciare un lavoro che porta reddito è meglio avere la certezza di fare la cosa giusta.

Un buon consiglio è quello di tenere l’attuale impiego il più a lungo possibile e di considerare i guadagni ottenuti con il blog, solo un reddito aggiuntivo. Almeno per i primi tempi.

Quanto tempo serve per guadagnare con un blog?

Non esiste una tempistica su cui fare affidamento.

Il primo anno quasi nessun blog è in grado di produrre guadagni, a parte degli spiccioli o poco più.

Generalmente servono alcuni anni. 2 per guadagnare poco. 3 o 4 per iniziare a fare guadagni degni di nota.

Ma tutto dipende dal lavoro che è stato fatto nel frattempo.

Inoltre i guadagni con un blog non sono automatici e sopratutto non sono garantiti nel tempo.

Alcune nicchie di mercato possono rendere più di altre, ma i soldi arrivano soltanto se la strategia di monetizzazione utilizzata nel blog funziona davvero e in modo sufficientemente remunerativo.

Per fare un’esempio molto semplice, due blog simili otterrebbero risultati differenti, perché ogni sito ha la sua storia e caratteristiche uniche.

Qual è il metodo di guadagno più redditizio?

Ogni sistema di monetizzazione può offrire guadagni ingenti o insufficienti.

Ci sono delle differenze sostanziali.

Annunci pubblicitari

Chi utilizza annunci pubblicitari, come per esempio Google AdSense come metodo di monetizzazione, può ottenere dei guadagni dalle visualizzazioni e dai click che i visitatori effettuano sugli annunci.

La percentuale di guadagno con questo metodo è relativamente basso, ma un blog con volumi di traffico elevati, meglio se (molto elevati) potrebbe avere la possibilità di monetizzare in modo serio.

In questo caso un alto volume di traffico è fondamentale per poterlo ritenere redditizio.

Affiliate Marketing e altri metodi di monetizzazione

I blogger autorevoli che preferiscono mantenere un contatto diretto con i loro visitatori, generalmente non amano gli annunci, preferendo le affiliazioni, la vendita di servizi o di prodotti.

Un blog del genere, in grado di creare comunità, ha la necessità che i suoi visitatori nel tempo si trasformino in lettori fedeli.

I lettori fedeli si iscrivono con più facilità alle newsletter e comprano i servizi o i prodotti consigliati.

Anche in questo caso, avere un alto numero di lettori mensili è molto importante, ma un blogger in gamba, può arrivare a guadagnare molti soldi pur avendo un volume di visitatori nettamente inferiore a quello di un blog che fa buoni affari con gli annunci.

Cosa deve imparare un blogger che vuole fare molti soldi con il suo blog?

I blogger di successo che oggi fanno molti soldi, generalmente hanno imparato dai propri errori, dalle strategie descritte in qualche corso a pagamento e dai consigli di altri blogger autorevoli.

Infine dalla sperimentazione in prima persona dei vari metodi di monetizzazione.

Nessuno è immune dai fallimenti.

Ciò che conta è provare e riprovare, sbagliando e ricominciando, finché si ottiene ciò che si è prefissati.

Quello che funziona per un blogger difficilmente funziona per gli altri.

Il raggiungimento degli obiettivi più importanti nella monetizzazione di un blog è questione di sperimentazione, grande impegno, determinazione e pazienza infinita.

In tanti ce l’hanno già fatta e in tanti ancora possono farcela.

Potrò contare su delle entrate costanti con il mio blog?

Vorrei poterti rassicurare ma non esistono certezze, quando si tratta di guadagni ottenuti con un sito.

Un calo drastico di visitatori potrebbe sconvolgere la situazione, ma possono subentrare anche altri fattori.

Esempio, una riformulazione dei margini di guadagno da parte delle aziende che offrono l’affiliazione, oppure un calo drammatico dei click sugli annunci delle reti pubblicitarie.

I fattori sono molteplici.

La vendita di un corso online remunerativo che ha perso la sua spinta iniziale e giorno dopo giorno rende sempre di meno.

Oppure un calo di visibilità per un sito di consulenze o di assistenza.

Lavorando online non esistono certezze, ne sicurezza sulla continuità di entrate sufficienti.

Diversificare le entrate

Un modo per limitare i danni o per aumentare il reddito è sicuramente quello di diversificare le entrate.

Avere un paio di siti che siamo riusciti a monetizzare bene, può aiutare a superare i momenti difficili.

Ma anche la possibilità di offrire servizi freelance potrebbe essere molto utile.

Questo logicamente richiede abilità particolari e capacità di gestione degli impegni, ma è una delle soluzioni possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.