Come creare un blog in 8 step

La decisione di aprire un blog è sempre una buona idea.

Sarà la tua casa nel web.

Inizia a creare il tuo blog

Ecco una serie di consigli per aiutarti a farlo nel modo giusto.

Primo step. Al tuo blog serve un nome di dominio

Scelta del nome del dominio

La prima cosa da fare quando decidi di aprire un blog è scegliere il nome di dominio più adatto all’argomento che tratterai.

Se vuoi iniziare subito in modo professionale è importante che gli dedichi il tempo necessario per essere sicuro di fare la scelta giusta.

Quando usare il proprio nome e cognome nel dominio

Per i personaggi famosi è naturale usare il loro nome e cognome oppure il nome d’arte nel dominio del loro sito personale.

Ti consiglio di utilizzare il tuo nome e cognome se lo ritieni indispensabile per svolgere la tua attività di blogger autorevole o per essere riconosciuto come titolare di un servizio.

Altrimenti puoi scegliere un nome di dominio simpatico e facile da ricordare.

Hai presente Youtube, Ebay, Amazon, Subito, Libero, Wind e altri nomi di dominio simili?

Sono tutti nomi brevi e facili da ricordare.

Oppure puoi scegliere un nome di dominio in linea con l’argomento del blog.

Esempio, zaino da viaggio, vivere in campagna, l’orto di Tommy, io e la bici ecc..

Quale estensione scegliere .it o .com?

Esistono tante estensioni .it .com .net .eu .org .info .blog e altre.

Se il tuo blog è scritto in italiano ed è limitato al contesto nazionale è consigliabile che l’estensione sia .it

L’estensione .com o .net è più indicata per un sito che si rivolge a un pubblico nazionale e internazionale, oppure sopratutto internazionale.

Comunque nessuno ti vieta di usare un’estensione diversa dal .it

Tanti blog italiani di successo sono .com o .net, quindi a te la scelta.

Secondo step: Al tuo blog serve un hosting wordpress

Scelta dell’hosting

L’hosting è il servizio che si occuperà di ospitare il tuo blog su un server web in modo che sia accessibile online. Il nome di dominio che avrai scelto, sarà l’indirizzo del tuo blog in internet.

Approfondimento

Un server web è un unità composta da parti hardware e software, attiva ininterrottamente 24 ore su 24 connessa a internet, alimentata da una linea elettrica.
Come per i computer, il cervello del server è un sistema operativo che gestisce, tra le altre cose, hard disk, database e driver.
Un server web può ospitare uno o più siti web e ha il compito di elaborare le richieste di rete, di archiviare e restituire file che saranno visualizzati come pagine HTML attraverso un browser web.
I server web più noti sono: Apache, nginx, IIS, LiteSpeed e GWS.

Oggi oltre il 60% dei siti sono su hosting WordPress, quindi direi di partire da quello.

WordPress è il CMS che ti aiuterà a gestire il tuo blog in modo semplice.

Approfondimento

Un “Content Management System” in breve (CMS) è un software per la gestione dei contenuti di un sito web.

La sua installazione nel server, permette di avere subito a disposizione tutte le funzionalità necessarie per gestire un sito, senza agire sul codice.

I CMS più popolari sono: WordPress, Joomla, Drupal, Magento e Prestashop.

Il CMS più usato è WordPress.

Il suo utilizzo è gratuito e mette inoltre a disposizione decine di migliaia di plugin, con cui è possibile estendere le sue funzionalità e realizzare qualsiasi tipo di sito web.

Al mondo esistono tanti hosting provider, ma molti sono in inglese.

Se non parli l’inglese è meglio iniziare con un Hosting italiano in cui si spende poco e il servizio non è male.

Aruba può essere la scelta più appropriata per i primi tempi. Valutando qualità e prezzo.

Puoi scegliere il nome del dominio e il servizio di hosting wordpress in pochi passaggi.

Se sei ancora un po inesperto, ti consiglio di scegliere un Hosting WordPress Gestito Small.

Spendi qualcosina in più ma avrai meno lavoro da fare.

In meno di un giorno il tuo nuovo dominio sarà visibile online e accessibile per fare le prossime operazioni.

La prima operazione da fare nel tuo nuovo blog è quella di non permettere ai motori di ricerca di indicizzarlo.

Essendo già nella home della bacheca ti basta cliccare su Impostazioni poi su Lettura e in basso nella pagina, clicca su Scoraggia i motori di ricerca ad effettuare l’indicizzazione di questo sito.

Poi clicca su Salva le modifiche

Quando il blog sarà finito, ti basterà rimuovere la spunta e salvare le modifiche e sarà pronto per essere indicizzato.

Adesso possiamo andare avanti con le altre operazioni.

Se avrai scelto Hosting WordPress Gestito Small, avrà già un semplice tema wordpress preinstallato.

Se il tema preinstallato ti piace, il blog è già pronto per accogliere il tuo primo post! Fantastico no?

Ma se sei come la maggior parte dei blogger, prima di scrivere un post vorrai provare altri temi. È comprensibile!

Terzo step: Il tuo blog ha bisogno di un tema wordpress moderno

Scelta del tema

Un tema ha la funzione di dare una struttura e un aspetto estetico gradevole a un sito.

Ne esistono decine di migliaia di tipi, ma a te interessa che sia un tema adatto a sviluppare il blog che hai in mente.

Puoi sceglierne uno gratuito o uno premium (a pagamento) sia dall’interno del tuo dominio, nella sezione Temi della bacheca wordpress, oppure effettuando una ricerca online per poi scaricarlo nel tuo pc.

Puoi dare uno sguardo anche nella Directory dei Temi di WordPress.org

Il file è solitamente in formato compresso ( zip) e puo essere caricato è installato su wordpress senza doverlo decomprimere.

Qualità del tema

L’aspetto estetico è importante ma assicurati che sia adatto a un blog, moderno, aggiornato, responsive e ottimizzato per la Seo.

Quarto step: Il nuovo tema deve essere provato e installato nel tuo sito

L’hosting provider Aruba nel frattempo, ti avrà inviato le email in cui ti comunicava le varie installazioni.

  • La registrazione del nome del dominio
  • La conferma dell’istallazione del database MySql
  • La conferma dell’installazione del certificato SSL
  • La conferma dell’attivazione dell’hosting wordpress con i dati di login provvisori.

Puoi accedere al tuo dominio utilizzando username e password provvisori attraverso il link con /wp-admin che ti è stato fornito.

Poi dovrai cambiare i dati di accesso per sicurezza. ( ma per il momento pensiamo a installare il nuovo tema nel tuo sito )

Installazione di un nuovo tema wordpress

Questa è un’operazione molto semplice

Una volta effettuato l‘accesso con i dati di login provvisori, sarai nella Home della bacheca wordpress.

Nei vari link a scendere, presenti nel lato sinistro, ti basterà cliccare su Aspetto per ritrovarti nella pagina Temi

Puoi sceglierne uno di quelli presenti oppure cliccando sul link in alto a sinistra Aggiungi nuovo tema puoi scegliere tra i temi in evidenza, popolari, più recenti o preferiti.

Per provarne uno, scegli un tema che ti attira e passa il mouse sopra l’immagine.

Vedrai apparire alcuni link tra cui Anteprima, cliccalo e dai uno sguardo al nuovo tema.

Se vuoi testarne altri prima di decidere clicca sulla x in alto a sinistra e ripeti l’operazione finché trovi il tema che ti piace.

Cliccando in alto a sinistra sul pulsante Installa, avrai sostituito il tema e sei pronto a scrivere e pubblicare il tuo primo post, godendoti il nuovo look del tuo blog.

Devo comunque avvisarti che i temi wordpress gratuiti hanno alcune funzioni non attive e un link nel footer ( la parte bassa della pagina)

Può essere rimosso acquistando la versione Premium del tema.

Puoi usarlo anche così se vuoi, ma se preferisci fare le cose in modo più professionale la versione premium è la scelta giusta.

Quinto step: Installazione dei plugin wordpress

I plugin wordpress sono delle app fantastiche che ti aiuteranno a rendere il tuo blog, più ottimizzato per la Seo, più sicuro e senza spam nei commenti.

Per installarli ti basterà tornare nella bacheca e cliccare su Plugin poi in alto a sinistra su Aggiungi nuovo.

Nella casella di ricerca a destra scrivi Yoast Seo. Trova il plugin tra quelli apparsi e clicca su installa ora poi su Attiva e il plugin per la Seo è già in azione nel tuo blog.

Yoast Seo ti permetterà di creare una sitemap.xml, un file robots.txt, di attivare i metadati e di stabilire molte cose, tra cui se visualizzare gli archivi e le categorie nei risultati di ricerca.

Adesso seguendo le stesse indicazioni per trovare e installare un plugin, installa e attiva Wordfence Security e Akismet Anti-Spam.

Approfondimento

I plugin sono software scritti in linguaggio PHP che consentono di estendere o aggiungere funzionalità a WordPress.
Questo permette di realizzare siti anche molto complessi e di qualsiasi genere.
Con i plugin wordpress è infatti possibile creare un sito di podcast, un forum, un negozio di e-commerce, una bacheca di lavoro, una newsletter e tanto altro ancora.
Esistono plugin specifici per la creazione di gallerie di foto, per la Seo, per eseguire backup, per aumentare la sicurezza del sito, per bloccare lo spam nei commenti, per la creazione di form dei contatti, per caselle di ricerca, per aumentare la velocità di un sito agendo sulla cache, per creare pop-up, icone social e tanti altri.

Nella  Directory dei Plugin di WordPress  sono disponibili attualmente oltre 55.000 plugin gratuiti. 

Sesto step: Il tuo blog ha bisogno di contenuti eccellenti

I contenuti sono la cosa più importante nel web, la loro rilevanza determinerà il successo o l’insuccesso del tuo progetto.

Pubblicare contenuti di qualità potrebbe non bastare.

Sopratutto se il tuo obiettivo è quello di fare soldi con il blog, dovrai scrivere in modo memorabile. Pensi di riuscirci?

Non avere fretta e prima di permettere ai motori di ricerca di indicizzare il tuo blog, scrivi tutto quello che ritieni necessario per rendere il tuo blog interessante e ricco di informazioni utili per i tuoi visitatori.

Approfondimento

Ecco alcuni consigli per scrivere contenuti efficaci.

1° Trova un messaggio chiave su cui concentrare tutto il contenuto.
2° Scrivi un titolo in grado di stimolare un grande interesse ( pensaci a lungo e prendi appunti)
3° La prima frase dovrà catturare l’attenzione del visitatore e stimolarlo a continuare la lettura.
4° Dimostra sempre la tua competenza, approfondisci, fai ricerche e dimostra di essere il migliore.
5° Quando è possibile, includi statistiche e dati per aggiungere credibilità a ciò che scrivi.
6° Rileggi alcune volte e se necessario apporta delle correzioni. Se hai tempo, aspetta un giorno e prima di pubblicarlo, rileggilo ancora.
7° Scrivi paragrafi brevi, quando serve usa gli elenchi puntati e font di buone dimensioni ben leggibili.
8° Fai in modo che ciò che scrivi abbia personalità e non pubblicare mai niente che non sia eccellente.

Settimo step: I tuoi post hanno bisogno di belle immagini

I post sono più interessanti se aggiungi delle immagini belle, colorate e rappresentative dell’argomento trattato nella pagina.

Utilizzando immagini originali di tua proprietà puoi distinguerti dai blogger che utilizzano foto o immagini gratuite presenti in tanti altri blog.

Puoi ottimizzare le immagini riducendo il loro peso in kb anche utilizzando uno dei servizi online gratuiti come Tiny Png

Oppure scaricando e installando nel pc il programma gratuito Caesium

Adesso non ti rimane che fare in modo che ogni immagine abbia un nome unico e descrittivo.

Ottavo step: Account Google per Analytics e Search Console

Per gestire in modo ottimale il tuo blog, avrai bisogno di un account Google per poter utilizzare i dati di Google Analytics e Google Search Console.

Google Analytics è uno strumento che ti permetterà di controllare le visite che riceve il tuo blog e di verificare in che modo gli utenti interagiscono con le pagine.

Ti basterà aggiungere un codice per il monitoraggio seguendo le istruzioni.

Come aggiungere Google Analytics a WordPress

Il codice di monitoraggio di Google Analytics può essere aggiunto anche usando un plugin WordPress, ma qui spiego il metodo manuale perché capita spesso ti dover aggiungere altre stringhe di codice nel <head> del sito per altre necessità ed è meglio sapere fin da subito come fare.

Come procedere

Accedi a Google Analytics e clicca su Amministratore in basso a sinistra.

Nella pagina che si apre, nella scheda centrale Proprietà, clicca su Informazioni sul monitoraggio poi su codice di monitoraggio.

Copia tutto il codice presente nel riquadro.

Google Analytics – codice di monitoraggio

Quindi accedi alla bacheca di WordPress, posiziona il cursore su Aspetto e nella finestra che si apre clicca su Editor del tema.

bacheca wordpress - aspetto - editor del tema
Bacheca di WordPress – Aspetto – Editor del tema

Nella pagina dell’editor clicca su Testata del tema (header.php) e incolla il codice di Google Analytics prima della </head> di chiusura ( quello con lo slash ) (la barra obliqua) Come nell’immagine.

WordPress – Editor del tema – come aggiungere il codice di Google Analytics

Verifica se il codice è stato aggiunto nella posizione giusta poi salva cliccando su Aggiorna file

Editor del tema – Aggiorna file

Adesso il codice di monitoraggio di Google Analytics inizierà a segnalare da subito le visite che riceve il tuo blog.

Dopo ogni aggiornamento del tema è meglio verificare se il codice di monitoraggio è ancora presente. Nel caso, aggiungerlo di nuovo ripetendo la procedura.

Google Search Console è uno strumento indispensabile per tenere sotto controllo il rendimento del tuo sito nella ricerca Google.

Ti basterà aggiungere il dominio del tuo blog e la verifica avverrà in modo istantaneo e automatico tramite il codice di Analytics che avrai inserito precedentemente.

Dopo qualche giorno la Search Console inizierà a visualizzare alcuni rapporti riguardo le pagine indicizzate, le parole chiave con cui si posiziona il tuo blog, i click ottenuti, l’usabilità sui dispositivi mobili, la sitemap.xml, eventuali errori e tanto altro.

Direi che adesso sei pronto per diventare un blogger di successo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.